Uno dei motivo principale di nullità in un contratto di finanziamento è l’indeterminatezza per l’indicazione del TAEG non conforme a quello vero.

 

La conseguenza è l’annullamento parziale del contratto di finanziamento in particolar modo, ai sensi dell’art. 1284 c.c. e 1419-1421 c.c., la nullità del contratto per mancanza dell’elemento fondamentale, ricalcolando al tasso sostitutivo come previsto dalla normativa.

La nullità colpisce l’oggetto del contratto in esame e risiede nella sua indeterminatezza ex art. 1346 C.C. con conseguente violazione dell’Art. 1284 c.c. e, soprattutto, dell’art. 117 Commi 4° e 6°, del D. Lgs N° 385\1993 (TUB) con la conseguente applicazione del tasso legale sostitutivo o del tasso ai sensi del comma 7° del medesimo articolo 117 TUB.

Il contratto di finanziamento non indicazione il tasso effettivo (TAEG) corretto (art.1284 c.c. e art.117 comma 4 Dlgs.385/93) comportando la violazione dell’art.1284 c.c. e del comma 4° dell’art.117 TUB, i quali richiedono l’indicazione del “tasso di interesse”. Non di un tasso qualsiasi, ma del Tasso effettivo che disciplina il prestito.

Per soddisfare la determinatezza dell’oggetto del contratto, ci riferiamo al tasso di interesse, occorre, quindi, che vi sia certezza ed esattezza nella sua quantificazione ed indicazione.

Pertanto, la conseguenza di dette violazione è l’applicazione del comma 7° del citato art.117 TUB in base al quale il saldo dovuto va rielaborato, secondo il tasso minimo dei BOT annuali emessi nei dodici mesi precedenti il contratto o se, più favorevoli, nei medesimi 12 mesi precedenti ogni operazione o al tasso legale sostitutivo.

Tutti gli addebiti pattuiti ed addebitati dalla banca tra cui, spese di istruttoria, interessi di preammortamento, interessi di ammortamento, spese di incasso rata, spese di riscossione rimborsi, spese per le assicurazioni o garanzie, imposte dal creditore, intese ad assicurargli il rimborso totale o parziale del credito in caso di morte, invalidità, infermità o disoccupazione del consumatore, costo dell’attività di mediazione svolta da un terzo, se necessaria per l’ottenimento del credito, rappresentano l’ammontare complessivo per la determinazione del TAEG reale “tasso annuo effettivo globale”, calcolato secondo la legge:

-normativa CEE titolo II, capo II, sezione I, della legge 19 febbraio 1992, n. 142, recante disposizioni per il recepimento delle direttive del Consiglio 87/102/CEE e 90/88/CEE in materia di credito al consumo;

-DM 8/7/1992, DM 6/5/2000, Cicr 9/2/2000 e Cicr 4/3/2003;

-Circolare della Banca d’Italia 28/3/2013 “formula TAEG derivazione comunitaria”.

 

In sintesi :

L’ISC (indicatore sintetico di costo) è il tasso di un mutuo che considera, oltre al tasso applicato con il quale si calcola la rata mensile, anche le spese accessorie iniziali e le spese periodiche.

ESEMPIO:
una banca propone un mutuo di 120.000 Euro in 25 anni al tasso del 5,50% con rata mensile di 736,90;

– Spese di istruttoria Euro 250,00
– Spese di perizia Euro 250,00
Netto Erogato 119.500 (mutuo – spese iniziali)

– Ass. incendio e scoppio Euro 2,28 mensili
Rata reale 739,18 (rata + assicurazione)

Il nostro ISC (ex Taeg) calcolato su un capitale di Euro 119.500 con pagamento di una rata mensile di Euro 739,18 è del 5,716%.
Come è possibile notare l’ISC del nostro mutuo è nettamente superiore al tasso o TAN pubblicizzato dalla banca.

L’ISC è un ottimo indicatore utilizzato per confontare i mutui della varie banche e per scegliere il mutuo più conveniente.
Il suo valore è inserito nel Prospetto europeo standardizzato (Esis) che le banche aderenti al codice di condotta europeo forniscono su richiesta dei clienti.

L’indicatore sintetico di costo comprende le seguenti spese:
1) il rimborso del capitale
2) il pagamento degli interessi
3) le spese di istruttoria
4) le spese di perizia
5) le spese di incasso rata
6) le spese di assicurazione imposte dal creditore
7) ogni altra spesa connessa all’operazione di finanziamento 

 

 

►Per rimanere aggiornato sulle novità clicca Mi piace sulla nostra pagina Facebook

 

DELEGA SIASTUDIOITALIA VAIRO & PARTNER A GESTIRE TUTTE LE TUE ESPOSIZIONE DEBITORIE (CONTI CORRENTI AFFIDATI ,MUTUO , FINANZIAMENTI , CARTE ) E RINEGOZIARE SECONDO LE TUE ATTUALI DISPONIBILITA’ !!!

Chiamaci: 081 19248403 o scrivi a: info@siastudioitalia.it

Risaniamo le pendenze con banche e finanziare tramite trattative stragiudiziali con un risparmio dal 30% al 80% secondo casi e disponibilità del cliente.
Sospendiamo eventuali procedure esecutive immobiliari ( casa all’asta ) e richiediamo la rinegoziazione del tuo mutuo e di tutte le esposizione debitorie compreso quelle di EQUITALIA tramite la Legge 3/2012 sul sovraindebitamento.
Analizziamo mutui , finanziamenti , leasing, carte revolving , conti correnti affidati , e ci opponiamo a precetti , decreti ingiuntivi (72 ore).

ALCUNI DEI NOSTRI RISULTATI …….
Tribunale di Napoli Nord 12/10/2016- – Il Giudice sospende ASTA IMMOBILIARE…grazie alla consulenza di StudioVairo&Partner
Leggi e condividi ↓ ↓
fb.me/Tu0zFKvv
 Tribunale di Bergamo 07/10/2016-Il Giudice sospende ben TRE ASTE IMMOBILIARI…….. grazie alla consulenza di StudioVairo&Partner
fb.me/49VX7Unvg

 

 

Link correlati

Sentenze-conticorrenti-mutui-e-leasing

 Sovraindebitamento- Tribunale Napoli Nord – Il Giudice sospende esecuzioni immobiliare ed omologa il piano del consumatore

Sovraindebitamento- Tribunale di Bergamo – Il Giudice sospende tre esecuzioni immobiliari

Sovraindebitamento – Tribunale di Rimini – L’ufficio delle Esecuzione sospende l’esecuzione immobiliare.

Legge “salva-famiglie” o “anti-debiti” una procedura in quattro mosse!

Sovraindebitamento : procedura di liberazione dai debiti dal consumatore fallito.

La legge 27 gennaio 2012 n. 3 sul Sovraindebitamento.

Per la composizione della crisi da sovraindebitamento, nascono nuove figure professionali.

Tribunale di Napoli Giudice dimezza Mutuo con la legge salva-suicidi .

Leave a reply